Ultima modifica: 29 marzo 2017

Che magnifica serata… i minorenni….

La nostra palestra, Giovedì 22 Dicembre, a partire dalle ore 19:00, è stata teatro di un riuscitissimo cenone Natalizio. Ospite d’onore la dirigente scolastica, Nicoletta Berrone, presenti molti docenti, molti ex docenti e presenti in gran numero e partecipi di un simpatico entusiasmo,  gli studenti del Luparia. La serata è stata  caratterizzata da una molto apprezzata cena: anticipata e accompagnata da una splendida coreografia di balletti di gruppo, sotto la guida dell’educatrice Chiara e di  esibizioni canore, su tutte quella di Giorgia Rognoni, trasformatasi in Adele nella canzone “Rolling in the deep”.

La cena preparata dalla cucina del convitto è stata gestita dai ragazzi delle quinte, che hanno seguito personalmente tutti i commensali. Sotto la guida attenta e scrupolosa di  Lorenzo Abregal, il servizio è stato impeccabile. Il menù è stato rispettoso della tradizione e del territorio, secondo la filosofia del km 0 che caratterizza il progetto orti didattici del Luparia stesso. E quindi: gustosi affettati misti, eccellente in particolare il salame cotto, notevole il flan di verdure, sebbene molti studenti refrattari alle verdure siano rimasti perplessi, apprezzato da tutti, invece, il cotechino accompagnato da una gustosa purè; naturalmente il piatto da tutti atteso, sono stati gli agnolotti, letteralmente spazzolati da tutti i presenti. Il secondo prevedeva il brasato in abbinamento alle immancabili patatine fritte.

Apoteosi finale con il panettone, che il cuoco Danilo ha voluto accompagnare ad una prelibata crema al mascarpone. Dai tavoli degli studenti era escluso il vino, presente invece sulla tavolata degli insegnanti, alcuni dei quali hanno decisamente dimostrato di apprezzare.

La serata è stata condotta da Rossella Borra, rappresentante degli studenti nel Consiglio di istituto.

Bella, divertente, professionale, ha saputo alternare la sua presenza durante la cena, riempendo le pause del servizio, per poi condurre la parte finale, scoppiettante e piena di sorprese.

A intervalli regolari, durante la cena, Rossella ha chiamato gli insegnanti, a cui sono stati donati piccoli omaggi natalizi, fatti di prodotti del territorio provinciale.

Standing ovation per tutti e ascolto educato durante il saluto introduttivo della dirigente scolastico,

Nicoletta Berrone  che ha rivolto sincere parole di congratulazioni per l’impegno e l’entusiasmo con cui tutti i ragazzi hanno partecipato fattivamente al cenone di fine anno.

Simpatico anche l’omaggio agli ex docenti che, oggi in altre sedi, sono ritornati per una sera alla loro vecchia scuola: un tronchetto intagliato a pino, dalla grande abilità alla motosega, dallo studente Roberto Tognocchi.

I ragazzi però hanno resistito a tavola, solo fino a un certo punto, per cominciare a sciamare per la palestra a volte in modo anche disordinato. Tuttavia non bisogna dimenticare che in fondo era la loro festa. Non si poteva certo costringerli a tavola come se si fosse trattato di un banchetto di nozze.

Finita la cena una parte della palestra si è reinventata in una discoteca, con la camaleontica Rossella che si è mutata, anche nell’abbigliamento, in una vocalist, mentre Alessandro Como ha vestito i panni del d. j.

Panettone, cioccolata e zabaione in ultima, sono stati la coccola finale, distribuita ai ragazzi prima del rientro nelle camerate, avvenuto attorno a mezzanotte. Che poi i ragazzi abbiamo preso immediatamente sonno non è dato di sapersi… ma a Natale siamo tutti buoni e nessuno ha il diritto di indagare.

Hanno collaborato

Lorenzo Re

Francesco Rovellini

Nicola Savio